notizie

Giuseppe Manfridi presenta il suo nuovo romanzo “Anja, la segretaria di Dostoevskij” alla rassegna La Collina delle Meraviglie

A Bologna la presentazione del romanzo “Anja, la segretaria di Dostoevskij” del pluripremiato scrittore e autore teatrale Giuseppe Manfridi.

Rassegna: La Collina delle Meraviglie

Indirizzo: Via di Sabbiuno, 6 – Bologna

Data: 25 giugno 2021

Orario: 21:00 

Evento a ingresso libero fino ad esaurimento posti – Info e prenotazioni 3491717883 

Venerdì 25 giugno, a partire dalle ore 21:00, Giuseppe Manfridi presenterà il suo romanzo a sfondo storico “Anja, la segretaria di Dostoevskij” nel corso della rassegna culturale, giunta alla sua terza edizione, La Collina delle Meraviglie, organizzata dall’associazione Dalla Terra In Su in collaborazione con la Compagnia Guide Valli Bolognesi. Gli incontri con gli autori sono curati dal giornalista e scrittore Cristiano Governa. 

Casa Editrice: La Lepre Edizioni

Collana: Visioni

Genere: Narrativa storica

Pagine: 608

Prezzo: 25,00 €

«E come potrei mai, io, accomodarmi in tutto ciò? In mezzo a loro!… Prender posto in una corte di fantasmi!… Come potrei riuscire a trovarvi un minimo spazio senza disturbare le abitudini di chi ha a cuore una cosa sola: tenersi ben stretto il privilegio di poter fare letteratura in solitudine»

SINOSSI DELL’OPERA

Pietroburgo 1866. Lo scrittore, quasi cinquantenne, Fëdor Michajlovich Dostoevskij è afflitto dall’epilessia e reduce dall’aver firmato un contratto capestro col suo mefistofelico editore: si è impegnato a consegnare un nuovo romanzo nell’arco di un mese. In caso contrario perderà i diritti su tutte le sue opere passate e future. Consigliato dagli amici, si rivolge a una scuola di stenografia che gli mette a disposizione la migliore delle sue allieve: Anja Grigor’evna, una graziosa adolescente curiosa del mondo, che ha ereditato dal padre la passione per la letteratura. Fra i due, in ventisei giorni, nascerà un amore estremo a dispetto dello scandaloso divario di età. Anja rimarrà la fedele custode dell’opera di Dostoevskij fino alla propria morte, avvenuta trentasette anni dopo quella del marito. Vera Macchina del Tempo, questo romanzo sonda il mistero del legame profondo che si stabilì tra Dostoevskij e Anja nel breve tempo della stesura del “Il giocatore”, restituendoci, con una scrittura straordinariamente evocativa, atmosfere, clima, e persino odori e rumori della Pietroburgo del XIX secolo.

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Giuseppe Manfridi è uno scrittore e autore teatrale rappresentato in Italia e all’estero. Tra le sue commedie di maggior successo si ricordano: “Giacomo il prepotente” (1989), “Ti amo Maria!” (1990), “Zozòs” (1994), “La cena” (in scena dal 1990). Per il cinema ha firmato la sceneggiatura di “Ultrà” che, con la regia di Ricky Tognazzi, vince l’Orso d’argento al Festival di Berlino nel 1991. Debutta nella narrativa con “Cronache dal paesaggio” (Gremese, 2006), tra i dodici finalisti al Premio Strega nel 2006, come avverrà di nuovo nel 2008 con “La cuspide di ghiaccio” (Gremese, 2008). Di recente ha pubblicato “Filastrocche della nera luce. Cronache dalla Shoah” (La Mongolfiera, 2018). Ha pubblicato per La Lepre Edizioni nel 2016 “Anatomia della gaffe”, nel 2017 “Anatomia del colpo di scena” e nel 2019 “Anja, la segretaria di Dostoevskij”, vincitore nella sezione Narrativa Edita della VII Edizione del Premio Letterario Città di Como e della I Edizione del Premio Dostoevskij, e selezionato al Premio Strega 2020.

Add Comment

Click here to post a comment